Coins 1022 Prospero Publicola Santacroce (1514-1589), cardinale. Medaglia 1579. D/ PROSPER SANCTACRVCIVS S R E CARD. Busto a destra con mozzetta. R/ GEROCOMIO. Veduta della Villa Gericomio e dei suoi giardini. Arm. I, 263, 5. Hill-Pollard, Kress 377. Pollard, Bargello 656. Attw. 972. AE. mm. 52.00 Inc. F. Cocciola. qBB. Il Santacroce comprò da Paolo Giordano Orsini il feudo di San Gregorio da Sassola il 19 febbraio 1567, con l’intenzione di farne una residenza ufficiale (Archivio di Stato di Roma, Fondo Santacroce, b. 40, c. 227r). Da allora si occupò di sistemare la sua proprietà ma, disponendo di poche risorse e avido di guadagno, non esitò a tassare fortemente i suoi sudditi provocando così una sollevazione armata il 13 gennaio 1578, conclusasi il 3 marzo 1578 con la condanna a morte di cinque sangregoriani. Fece costruire un castello destinato a far conoscere le sue virtù e a proporre una lettura simbolica del suo operato, in particolare religioso e diplomatico, come attestano le personificazioni della Pace e della Vera Religione nella sala dello zodiaco. Volle inoltre che fosse messa in risalto la sua passione per le arti e fece sfoggio dei suoi talenti come mecenate (Jean Sénié - Dizionario Biografico degli Italiani Treccani - 2017).<br /> Al nunzio apostolico Santacroce venne attribuito il merito di essere stato il primo a contribuire all’introduzione del tabacco, che avrebbe portato dal Portogallo, tanto che questo fu sopranominato «erba Santa» o «erba Santacroce».

< Go Back
Loading...